Puglia, i primi dati dell’estate: forte incremento di arrivi, soprattutto dall’estero

I dati sono ancora parziali (ha risposto il 77% degli operatori collegati alla piattaforma regionale Spot) e relativi ai soli arrivi. Ma una tendenza è chiara: nella prima parte dell’estate 2022 cresce il numero dei turisti spinto dai viaggiatori stranieri. A luglio si registra un calo dei turisti italiani e si spera che settembre e ottobre, grazie alla componente internazionale, riescano a puntellare i bilanci nonostante il flagello del caro bollette.
È questa la situazione che emerge dai primi numeri raccolti dall’agenzia regionale Pugliapromozione. A Maggio, nel primo mese di apertura delle strutture ,si è registrato un più 211% degli arrivi rispetto al 2021 e un più 0,5% rispetto al 2019 (356
mila turisti nel 2022 contro i 114 mila dell’anno scorso e i 352 mila di tre anni fa). È ovvio
che il confronto allo scorso anno risente dell’effetto pandemico che era ancora in corso. A giugno, invece, si è ottenuto un più 59% rispetto al 2021 e un più 4% in confronto al 2019 (605 mila turisti rispetto a 379 mila e 580 mila).
L’ultimo trend disponibile, anche se parziale, interessa luglio che chiude con un più 9% rispetto all’anno scorso e un più 19% in confronto al 2019 (797 mila arrivi contro 730 mila e 665 mila).

Interessante è la suddivisione avviata per componente interna e internazionale. A maggio 2022, si evidenzia, rispetto al 2019, un meno 3% di italiani a fronte di un più 5% di stranieri, a giugno incremento identico per entrambe le categorie (più 4%) e a luglio più 17% di arrivi domestici e più 28% di arrivi internazionali. Nel confronto con il 2021 a maggio gli italiani sono aumentati del 95%, ma gli stranieri del 1.104%; a giugno del 27% e del 317% e luglio rispettivamente meno 3% e più 67%. Rispetto al 2021, infine, il dato di “freno” sulla componente interna era stato evidenziato dagli operatori con allarmi per la riduzione delle prenotazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.