Turismo, la Puglia cresce ancora. I dati

L’Osservatorio del turismo della regione Puglia ha pubblicato i dati definitivi turistici regionali del 2018 rilevando rispetto al 2017 un aumento degli arrivi del +4%, del tasso d’internazionalizzazione del +2%, pari al 25,6% per gli arrivi e al 23,4% per le presenze rispetto al 2017, e la crescita del +7% per le strutture ricettive e del +3% per i posti letto.

Nel 2018, le strutture ricettive pugliesi regolarmente registrate hanno totalizzato 4.065.983 arrivi (3.023.427 italiani e 1.042.556 stranieri) e 15.196.391 presenze turistiche. Il dato degli arrivi è relativo al numero di clienti accolti nelle strutture; quello delle presenze si riferisce al numero di notti trascorse complessivamente all’interno degli esercizi ricettivi.

VIESTE LA NUMERO 1. Il primato assoluto spetta a Vieste, in provincia di Foggia: la perla del Gargano nel 2018 ha fatto registrare 291.117 arrivi e 1.922.034 presenze. In assoluto, è il miglior risultato tra tutti i Comuni della Puglia. Al secondo posto c’è Bari con 838.600 presenze. Sul podio anche Ugento (Le) con 823.443 presenze. Otranto (Le) occupa la quarta posizione toccando quota 715.697. Seguono Lecce a 697.288, Fasano (Br) con 669.566, Peschici che registra 663.603 presenze, Carovigno (Br) con 524.547, San Giovanni Rotondo (Fg) a quota 448.509 e, a chiudere la classifica dei 10 comuni più turistici della Puglia, c’è Monopoli (Ba) con 429.806 presenze. Ostuni (Br) è undicesima con 355.602 presenze. Il report completo è scaricabile consultando i dati completi della Regione Puglia ( (LINK DIRETTO: https://tinyurl.com/thwpgxn). )

MEGLIO DEL 2017. Rispetto al 2017, la Puglia ha ulteriormente incrementato la sua performance, poiché due anni fa l’intera regione totalizzava complessivamente 3.911.688 arrivi e 15.189.837 presenze. In calo Vieste, che nel 2017 registrava 294.272 arrivi e 1.987.401 arrivi. In crescita, invece, San Giovanni Rotondo, che due anni fa aveva toccato quota 402.958 presenze e nel 2018 si è attestata a 448.509.

DATI PARZIALI 2019 – Una crescita tangibile e dati ancora una volta positivi per il turismo pugliese nel primo semestre del 2019: +2% gli arrivi e le presenze da gennaio a giugno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (in v.a. 1,6 milioni di arrivi e 4,4 milioni di presenze/pernottamenti)1. Dopo un inizio anno partito a rilento, la rimonta arriva sin dal mese di aprile, a Pasqua, quando il trend ha raggiunto il +6% per arrivi e pernottamenti. Nonostante il maltempo, a maggio la variazione è stata del +2% per gli arrivi a fronte di un andamento stazionario delle presenze (+0,5%), mentre a giugno si registra il +2% e il +3%. Dal 2013 al 2018, gli arrivi e le presenze in regione sono aumentate del +27,5% e del +14%; la crescita dall’estero è stata del +71% e del +45%. La distribuzione territoriale dei flussi vede crescere soprattutto le aree di Bari e la Costa, della Valle d’Itria e delle località della Magna Grecia, Murgia e Gravine trainate da Taranto. Per il mese di luglio, secondo una prima stima al 6 agosto 2019 ed effettuata dall’Osservatorio sui dati comunicati attraverso SPOT da un campione del 50% circa delle strutture, l’andamento si attesta sul +1,5% per gli arrivi e +2% per le presenze rispetto a un già lusinghiero luglio 2018. L’incremento provvisorio dall’estero da gennaio a giugno si attesta al +5% per arrivi e presenze. Alcuni mercati si mostrano più dinamici di altri, le crescite superiori al 10% le registrano, nell’ordine: Francia, Stati Uniti, Australia, Russia, Spagna, Sud-Est asiatico, Romania, Turchia, Irlanda, Canada e Brasile. Tali dati confermano il consolidato aumento della notorietà della Puglia al di là dei confini europei. I dati confermano ancora una volta la bontà delle politiche attuate dall’attuale Giunta regionale ed in particolare dall’assessore regionale al turismo, Loredana Capone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.